Il Palladismo, ovvero la necessità di un vertice

 

tratto da "Massoneria e Sette Segrete: la faccia occulta della storia" - Editrice "Ichthys" - di Epiphanius

Il Palladismo, definito dall'enciclopedia Larousse du XXe siede come "culto di Satana Lucifero, vale a dire di Satana considerato come l'Angelo della Luce, il dio umano e benefico", fu una società teurgica segretissima, sconosciuta ai massoni anche di alto grado e per ciò composta solo di "emeriti". Vi erano di preferenza ammessi i Cavalieri Kadosh, il 30° grado del Rito Scozzese, o gradi equivalenti del rito egiziano di Memphis-Misraim; il nome affettato dal rito palladista era quello di Re-Teurgisti Ottimati, mentre le logge venivano chiamate Triangoli. La gerarchia palladista aveva tre gradi: Kadosh palladico, Gerarca palladico e Mago eletto. Il palladismo si collocava sopra i Supremi Consigli formati dagli esponenti del 33° grado del Rito Scozzese Antico e Accettato e da tali posizioni discendeva ai gradi inferiori per infiltrazioni successive.

All'origine del "New and Reformed Palladian Rite" furono Albert Pike e Giuseppe Mazzini. Albert Pike (Boston 1809 - Washington 1891), fu governatore dei tenitori indiani, generale dell'esercito della Confederazione del Sud e fondatore del famigerato Ku Klux Klan. Stando al citato Dictionnaire de la Franc-Magonnerie, Pike venne cooptato dal 33° grado del Rito Scozzese americano Albert Gallatin Mackey, segretario del Supremo Consiglio di Charleston, il quale: "persuade Pike ad affiliarsi all'Ordine [...] dove diventa Sovrano Gran Commendatore del Rito Scozzese (Supremo Consiglio, giurisdizione Sud) dal 1859 alla sua morte. Riesce a riscrivere la totalità dei rituali dei 33 gradi [...]. E autore di Morals and Dogma , considerata La Bibbia del Rito Scozzese", lavoro enorme, documentatissimo, che fra alti e bassi egli non ha mai terminato".

Secondo L'Acacia massonica, rivista mensile illustrata del Grande Oriente di Palazzo Giustiniani, Albert Pike fu: "storico ed esegeta del Rito Scozzese Antico Accettato, Sovrano Gran Commendatore del Supremo Consiglio del 33° grado per la Giurisdizione Sud degli Stati Uniti d'America, che i clericali di tutto il mondo ritennero di diminuire chiamandolo "il Papa della Massoneria", mentre Egli della Massoneria fu, in verità, uno dei benemeriti ed eletti Fratelli".

Lady Queenborough (nome letterario di Edith Starr Miller), nella sua ponderosa opera Occult Theocrasy, aggiunge che per consentire l'insediamento di Pike ai vertici della massoneria americana il Gran Commendatore John Honour dimissionò espressamente dalla sua carica. La narrazione che la Queenborough fa quindi seguire è di notevole interesse:

"All'incirca in quell'epoca, Pike e Mackey ricevettero la visita di Longfellow. Questo Longfellow (1807-1882, N.d.R.) era un massone di rito scozzese che, nel 1847, aveva preso residenza negli Stati Uniti diventando amico stretto di Moses Holbrook, allora Sovrano Gran Commendatore di Charleston. La familiarità tra Longfellow e Holbrook divenne presto qualcosa di serio quando entrambi si dedicarono allo studio a fondo delle scienze occulte e al piacere delle discussioni sui misteri della Cabala.

"Quando Longfellow chiese al Gran Maestro il permesso di entrare nell'ordine degli Oddfellow allo scopo di studiarne l'organizzazione, gli venne concesso.

"Oddfellow è il nome adottato dai membri di una società fondata a Londra verso il 1788 [...]. L'ordine venne introdotto in America nel 1819 dal fabbro Thomas Wildey, che fondò la Washington Lodge n.l a Baltimora. Questa città divenne il quartier generale degli Oddfellows americani e canadesi e, grazie all'energia di Wildey, l'ordine fece grandi progressi diffondendosi con rapidità.

"Longfellow e Holbrook, nel corso dei loro scambi di impressioni sulla Cabala, avevano progettato di creare un rito Satanico nel quale gli adepti sarebbero stati istruiti in Magia Nera, ma Holbrook, il Gran Maestro del Supremo Consiglio di Charleston, che aveva già composto un idoneo rituale e una messa sacrilega chiamata Adonaicide Mass (= Messa che uccide Adonai, il Dio dei cristiani, N.d.R.), morì, ritardando la piena attuazione del progetto. Gli successe John Honour alla cui morte il sogno dell'Ebreo Moses Holbrook di sovvertire la Massoneria venne condotto a termine da Albert Pike su scala imponente"

Giuseppe Mazzini (1805-1872) fu un alto iniziato della massoneria (32° grado scozzese, dignità richiesta per l'ingresso nella "Vendita Suprema" della Carboneria) e membro del Comitato Rivoluzionario Internazionale di Londra, organismo posto sotto la direzione di un altro massone di alto grado, il ministro di S.M. britannica la regina Vittoria, Henry John Terapie, terzo visconte di Palmerston (1784-1865), che legò il suo nome alla politica imperiale inglese dell'epoca e la cui mano occulta si estese alle numerose guerre e rivoluzioni che costellarono la prima metà del secolo XIX.

Quando Pike nel 1891 morì, il Palladismo supervisionava occultamente le massonerie americane e lo scozzesismo mondiale "ispirando e appoggiando il movimento rivoluzionario mondiale attraverso tre Supremi Consigli a Charleston in South Carolina, a Roma con Lemmi e a Berlino, e 23 consigli subordinati (fra cui Washington, Montevideo, Napoli, Port Louis in Mauritania e Calcutta, tutti che di lì a poco sarebbero stati fra loro collegati via radio, con la sigla S 7 Arcula Mistica).

Giova ricordare che nel 1875 i Supremi Consigli delle varie nazioni, per autodisciplinarsi avevano firmato a Losanna un'"Alleanza e Confederazione", alla quale fecero seguito regolari incontri in Conferenze internazionali che riservavano il posto d'onore al Supremo Consiglio di Charleston.

Un altro passo importante era così compiuto operando una centralizzazione del comando che, pur contrastata, come si vedrà, dal coevo risveglio rosicruciano in Europa, sarà in grado di imporre azioni coerenti su scala mondiale superando lo scoglio della "concorrenza" delle sette europee tramite una sintesi a livello di intenti.

Ormai, dice il Virion, le massonerie così unificate tenderanno verso lo scopo fondamentale deciso una volta per tutte: il Governo Mondiale, la Controchiesa visibile nelle sue istituzioni pubbliche internazionali, invisibile quanto alla sua alta gerarchia

LA CORRISPONDENZA MAZZINI-PIKE DEL 1870

Mazzini tratteneva una fitta corrispondenza col Pike: ai fini del nostro studio sono ben significative due lettere in particolare: quella che Mazzini inviò al Pike il 22 gennaio 1870 e quella del Pike a Mazzini datata 15 agosto 1871. Jean Lombard annota che questa corrispondenza si trova depositata negli archivi di Temple House, la sede del Rito Scozzese di Washington, ma off limits cioè di consultazione vietata; pur tuttavia la lettera di Albert Pike, scritta il 15 agosto 1871, venne una volta esposta alla British Museum Library di Londra. Là un ufficiale di marina canadese, il commodoro William Guy Carr (presente in veste di consulente per gli Stati Uniti alla Conferenza di San Francisco del 26 giugno 1945) potè prenderne conoscenza e pubblicarne un riassunto nel libro citato Pawns in thè Game.

Il documento è curiosamente profetico e precorritore della sinistra triade "crisi-guerra-rivoluzione", che ha tormentato il XX secolo. Ecco in che forma lo presenta il Carr:

"[...] La prima Guerra Mondiale doveva essere combattuta per consentire agli "Illuminati" di abbattere il potere degli zar in Russia e trasformare questo paese nella fortezza del comunismo ateo. Le divergenze suscitate dagli agenti degli "Illuminati" fra Impero britannico e tedesco furono usate per fomentare questa guerra. Dopo che la guerra ebbe fine si doveva edificare il comunismo e utilizzarlo per distruggere altri governi e indebolire le religioni.

La Seconda Guerra Mondiale doveva essere fomentata approfittando della differenza fra fascisti e sionisti politici. La guerra doveva essere combattuta in modo da distruggere il nazismo e aumentare il potere del sionismo politico, onde consentire lo stabilimento in Palestina dello stato sovrano d'Israele. Durante la Seconda Guerra Mondiale si doveva costituire un'Internazionale comunista altrettanto forte dell'intera Cristianità. A questo punto quest'ultima doveva essere contenuta e tenuta sotto controllo fin quando richiesto per il cataclisma sociale finale. Può una persona informata negare che Roosevelt e Churchill hanno realizzato questa politica?

La Terza Guerra Mondiale dovrà essere fomentata approfittando delle divergenze suscitate dagli agenti degli Illuminati fra sionismo politico e dirigenti del mondo islamico. La guerra dovrà essere orientata in modo che Islam (mondo arabo e quello musulmano) e sionismo politico (incluso lo Stato d'Israele) si distruggano a vicenda, mentre nello stesso tempo le nazioni rimanenti, una volta di più divise e contrapposte fra loro, saranno in tal frangente forzate a combattersi fra loro fino al completo esaurimento fisico, mentale, spirituale ed economico.

[...] Il 15 agosto 1871 Pike disse a Mazzini che alla fine della Terza Guerra Mondiale coloro che aspirano al Governo Mondiale provocheranno il più grande cataclisma sociale mai visto. Si citano qui le parole scritte dallo stesso Pike nella lettera che si dice catalogata presso la biblioteca del British Museum di Londra:

"Noi scateneremo i nichilisti e gli atei e provocheremo un cataclisma sociale formidabile che mostrerà chiaramente, in tutto il suo orrore, alle nazioni, l'effetto dell'ateismo assoluto, origine della barbarie e della sovversione sanguinaria. Allora ovunque i cittadini, obbligati a difendersi contro una minoranza mondiale di rivoluzionari, questi distruttori della civiltà, e la moltitudine disingannata dal cristianesimo, i cui adoratori saranno da quel momento privi di orientamento alla ricerca di un ideale, senza più sapere ove dirigere l'adorazione, riceveranno la vera luce attraverso la manifestazione universale della pura dottrina di Lucifero rivelata finalmente alla vista del pubblico, manifestazione alla quale seguirà la distruzione della Cristianità e dell'ateismo conquistati e schiacciati allo stesso tempo!"

"Quando Mazzini morì nel 1872 - prosegue ancora il Carr - nominò suo successore un altro capo rivoluzionario, Adriano Lemmi. A Lemmi più tardi sarebbero succeduti Lenin e Trotzkij. Le attività rivoluzionarie di tutti costoro vennero finanziate da banchieri inglesi, francesi, tedeschi e americani. Il lettore deve avere presente che i banchieri internazionali di oggi, al pari dei cambiavalute dei tempi di Cristo, sono solo strumenti e agenti degli Illuminati. Mentre al grande pubblico era lasciato credere che il Comunismo è un movimento di lavoratori per distruggere il Capitalismo, gli ufficiali dei Servizi di Informazione inglesi e americani erano in possesso di autentica evidenza documentaria comprovante che capitalisti internazionalisti operanti attraverso i loro istituti bancari avevano finanziato entrambe le parti in ogni guerra e rivoluzione combattute dal 1776".

- Thule Italia -
rti in ogni guerra e rivoluzione combattute dal 1776".

- Thule Italia -